Claudio Tamburini

Fotografo

Il carcere duro delle Murate era l’area di detenzione più severa del carcere otto-novecentesco. Qui i carcerati venivano torturati e al suo interno c’erano dodici celle. Sui muri possiamo ancora vedere i messaggi e i disegni fatti detenuti che qui sono stati reclusi. In questi luoghi furono rinchiusi detenuti famosi tra gli altri Carlo Ludovico Ragghianti, […]

Leggi tutto

Questo ospedale fu costruito intorno al 1923 nel nord Italia. L’edificio ha vissuto diversi periodi. Dopo la sua apertura per una cinquantina di anni fu usato come sanatorio per le malattie tubercolari per combattere un’epidemia scoppiata in quel periodo. Il sanatorio per l’epoca rappresentava un modello del campo di questo tipo di ospedale. In quegli […]

Leggi tutto

Questo Cine&Mercato era un grande e moderno centro commerciale. La compagnia che ne era proprietaria si occupava di commercio all’ingrosso di merci cinesi e i negozi vendevano di tutto, da abiti, a cappelli ad articoli da regalo. Questo nuovo centro commerciale attraeva uomini d’affari e proprio questo aspetto permise l’espansione del mercato, che in breve […]

Leggi tutto

A questa villa si accede attraverso un lungo viale di tigli secolari. L’edificio comprende la villa la Capella e un vasto parco. Questo complesso fu costruito all’età del feudalesimo da una nobile famiglia del luogo. Gli edifici sono disposti a “L” con una grande corte con aia e portici. Alla villa si accende attraverso una […]

Leggi tutto

Questo ospedale fu costruito intorno al 1923 nel nord Italia.  L’edificio ha vissuto diversi periodi. Dopo la sua apertura per una cinquantina di anni fu usato come sanatorio per le malattie tubercolari per combattere un’epidemia scoppiata in quel periodo. Il sanatorio per l’epoca rappresentava un modello del campo di questo tipo di ospedale.   In […]

Leggi tutto

L’ ex-monastero delle Murate si trova nel centro della città e per circa cento anni è stato il carcere maschile di Firenze. Nel 1370 dodici donne dette “le murate”, seguendo l’esempio di monna Apollonia si fecero recludere volontariamente in una casupola del secondo pilone del “Ponte Rubaconte” (ponte alle Grazie), pregando e vivendo di elemosine […]

Leggi tutto